Cerca
  • Studio di Psicologia BS

HO BISOGNO DI AIUTO: A CHI MI RIVOLGO? FACCIAMO CHIAREZZA E… ATTENZIONE AI NON ESPERTI!

Senti di avere delle difficoltà emotive e non sai a chi rivolgerti. Come scegliere? Dovresti sapere che è molto importante fare riferimento a delle figure professionali abilitate e riconosciute. Può accadere, infatti, di riporre la propria fiducia in persone che in realtà non possiedono i requisiti necessari per esercitare la professione psicologica.

Negli anni, nell’ambito delle professioni di aiuto si sono sviluppate diverse figure, come ad esempio quella del Counselor non psicologo, che purtroppo si sono sovrapposte per diverso tempo a quella dello psicologo e dello psicologo psicoterapeuta. Facciamo un po’ di chiarezza: che differenza c’è tra queste figure?

Il Counselor non psicologo:

Il Counselor è colui che vuole fornire aiuto e supporto a persone che vivono momenti di difficoltà, cercando di stimolare le loro capacità di reazione. Purtroppo, c’è chi esercita questa attività senza aver conseguito una laurea in psicologia ma vendo frequentato un semplice corso formativo, per di più non abilitante. Sebbene il fine sia lodevole, questo non può giustificare la scarsa preparazione che coinvolge questa professione che oggi NON E’ RICONOSCIUTA E REGOLAMENTATA dalla normativa italiana. Tuttavia, nel corso del tempo, questa figura ha finito per occuparsi sempre di più di ciò che invece è prettamente oggetto di lavoro dello psicologo. Infatti, fare counseling senza essere iscritti all’Ordine è fare ABUSO della professione! Forse non sai che il CNOP (Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi) ha condotto una lunga battaglia volta ad esprimere la propria contrarietà rispetto a queste figure e a far valere i diritti di chi possiede, invece, le giuste competenze per esercitare l’attività psicologica. Essendo la Psicologia una scienza, per operare efficacemente in questo ambito non basta saper ascoltare, in quanto sono fondamentali molte altre abilità e competenze che si conseguono solo attraverso gli anni di studio e le esperienze. Non è infatti sufficiente un breve percorso formativo, come quello che coinvolge counselor e mental coach, per preparare le persone ad operare nel campo psicologico. La mante umana, infatti, rappresenta un’area di studio molto complessa e delicata, pertanto non può essere ridotta a conoscenze approssimative.

Purtroppo, molte persone non conoscono bene le differenze in questo contesto tra figure professionali e non, perciò rischiano di affidarsi a coloro che si vendono come professionisti esperti del benessere.

Lo Psicologo:

Lo Psicologo, come descritto dall’OPL, è un professionista sanitario che svolge attività di prevenzione, diagnosi, intervento, promozione della salute, abilitazione-riabilitazione, sostegno e consulenza in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Egli può impegnarsi anche nelle attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito. Per svolgere la propria professione, lo psicologo professionista deve necessariamente conseguire la Laurea in Psicologia, svolgere un anno di tirocinio obbligatorio ed, infine, sostenere l’Esame di Stato per l’abilitazione alla professione. Solo a questo punto, egli potrà iscriversi all’Albo degli Psicologi ed essere riconosciuto come tale. Inoltre, lo psicologo è chiamato ad un aggiornamento continuo, al fine di perfezionarsi nel tempo. Per diventare poi psicoterapeuta, così da acquisire maggiori nozioni e competenze rispetto alla diagnosi e al trattamento delle più svariate problematiche, lo psicologo deve frequentare una ulteriore scuola di specializzazione della durata di quattro anni. Per tanto, si può comprendere come questa professione richieda un impegno importante da parte di chi la esercita, necessario al fine di acquisire le nozioni e l’esperienza adeguate per comprendere le persone, oltre ad affinare la capacità di ascolto e di sintonizzazione con i bisogni emotivi altrui.

A differenza delle altre figure, lo psicologo sa che ogni intervento deve essere cucito sull’unicità del paziente con cui si trova a relazionarsi. Infatti, anche elementi apparentemente generalizzabili come la motivazione, il sostegno emotivo e la capacità di ascolto, sebbene inseriti in un’ottica di promozione del benessere, possono e devono assumere sfumature diverse sulla base di chi ci si trova di fronte. Questo aspetto non viene spesso preso in considerazione dai counselor non psicologi o figure affini in quanto, non avendo gli strumenti necessari, si trovano ad operare utilizzando logiche di “intervento” generali. Non esistono invece risposte giuste e adeguate per tutti. Ecco perché è importante rivolgersi ad uno psicologo o ad uno psicoterapeuta quando si sente la necessità di un serio supporto emotivo. Questa figura ha infatti le competenze adatte per fornirti un aiuto adeguato in quanto, insieme alle competenze relazionali, ha acquisito una moltitudine di nozioni scientifiche fondate su teorie solide e tecniche di intervento validate e standardizzate.

Esistono molteplici orientamenti psicologici a cui i professionisti aderiscono. Questi fanno riferimento a diverse scuole di pensiero che, seppur differenti tra loro, si costruiscono sulle fondamenta dalla solidità scientifica.

Assicuratevi perciò, per esempio consultando i siti internet dell’Ordine degli Psicologi, di rivolgervi SEMPRE a figure professionali ABILITATE e iscritte all’ALBO DEGLI PSICOLOGI. Così facendo, non solo tutelerete la vostra salute psicologica ma riconoscerete l’impegno e la professionalità di tutti coloro che hanno dedicato con passione molti anni della propria vita a formarsi in modo serio e adeguato, così da potervi offrire un aiuto concreto ed efficiente.

Dott.ssa Sara Bondioli


41 visualizzazioni

© 2019 Studio di Psicologia e Mediazione Familiare Brescia - created by 2Piustudio.it